Eroe silente: 34 anni fa il 44enne ci ha salvati dalla Terza Guerra Mondiale.

Il 19 maggio di quest'anno, Stanislaw Petrov si è spento serenamente. Il mondo non ha registrato la notizia della scomparsa del vedovo, che viveva da solo in un piccolo appartamento a Frjasino, sobborgo di Mosca. Eppure, Stanislaw Petrov è stato l'uomo che ha salvato il mondo...

Il 26 settembre 1983 è stato il giorno in cui la più grande catastrofe del XX secolo è stata impedita. Il mondo all'epoca è diviso dalla Guerra Fredda tra Stati Uniti e Unione Sovietica, dalle due parti si aspetta, da un momento all'altro, un attacco nucleare.

All'epoca, Petrov ha 44 anni ed è un funzionario presso la sede centrale di allerta satellitare "Oko", che ha programmato lui stesso in qualità di ingegnere. Si tratta di un sistema che permette di segnalare l'arrivo di missili nucleari con 10 minuti di anticipo rispetto a quello che farebbero i radar. Niente può impedire l'incursione, ma si può partire al contrattacco più velocemente, annientando d'anticipo il nemico...

Poco dopo mezzanotte, le sirene avevano allertato la base: a quanto pareva un missile americano era stato lanciato contro l'Unione Sovietica. Tutti gli occhi sono puntati su Petrov: secondo quanto previsto dal protocollo militare l'uomo dovrebbe avvertire il comando centrale per mettere i colleghi nella condizione di sferrare il contrattacco. Ma il funzionario aveva avuto un attimo di esitazione, non gli sembrava plausibile che gli americani avessero sferrato un attacco militare solo con un missile. Aveva quindi considerato la situazione un falso allarme. In realtà, solo qualche minuto dopo, le sirene avevano suonato di nuovo. Stando alle rilevazioni del sistema, erano stati lanciati altri quattro missili.

Ma, anche in quel caso, l'uomo aveva confermato il falso allarme: "Ho confidato sulla mia esperienza e il mio istinto. Siamo più intelligenti dei computer, avendoli programmati noi stessi", ha spiegato in seguito Petrov. Certo non era sicuro al 100%, ma aveva fatto quanto riteneva giusto. Come si era determinato in seguito, probabilmente il sistema aveva mal interpretato un raggio solare riflesso da una nuvola, e lo aveva registrato come il lancio di un missile.

"La mia sedia sembrava incandescente e avevo perso la sensibilità alle gambe. Ero molto nervoso. Non volevo certo causare la Terza Guerra Mondiale", ha raccontato Petrov. E ancora oggi è difficile stimare quelle che sarebbero state le conseguenze di un conflitto di tale portata. Secondo alcuni calcoli le vittime sarebbero potute essere 750 milioni e i feriti 340 in tutto il mondo.

Nonostante il suo intervento decisivo, la figura di Stanislaw Petrov è rimasta nell'ombra per molto tempo. L'uomo non aveva nemmeno detto alla moglie quello che aveva fatto. Solo nel 1998, quello che era stato il suo capo all'epoca aveva reso pubblici i fatti. Ed ecco come, 15 anni dopo, il funzionario russo è divenuto colui che aveva salvato il mondo ed è stato insignito anche di un'onorificenza, anche se ha continuato a dichiarare: "Credetemi, non sono un eroe, ho solo fatto il mio lavoro. Ero probabilmente l'uomo giusto al momento giusto".

Nel 1984, Petrov ha lasciato volontariamente il servizio militare, finendo la sua carriera in un istituto di ricerca e trascorrendo il resto della vita, umilmente, con la moglie, venuta poi a mancare. 

Anche se Stanislaw Petrov non ha mai voluto accettare l'appellativo di eroe, dovremmo tutti rivolgergli un pensiero, avendo sicuramente cambiato il corso della storia. Il mondo ha bisogno di uomini come lui, che mettano la ragione e il giudizio davanti a sentimento come odio e rivalsa. 

Commenti

Anche Per davvero